Nella tana del Bianconiglio


Prima o poi capita a tutti: buttarsi a capofitto in una nuova avventura equivale un po’ a infilarsi nella tana del Bianconiglio, precipitare giù per chilometri, per poi rallentare, fluttuare, e a un certo punto ritrovarsi in un altro mondo, parallelo a quello che finora conoscevi e dove tutto è possibile.

Durante il viaggio ti può capitare di imbatterti in trichechi parlanti, in gatti che scompaiono e in bruchi petulanti, e ciò che all’inizio sembra a dir poco singolare, andando avanti nel cammino comincia a diventare quasi “normale”.

Il fatto è che quando ci si butta in una nuova avventura bisogna essere pronti a mollare gli ormeggi, e iniziare a navigare in acque sconosciute affidandosi alle onde, agli astri e soprattutto all’inconstanza dei venti. Bisogna essere pronti a fluttuare su e giù come un guscio di noce in balia delle onde, perché ci saranno giorni in cui le tue energie ti renderanno capace di qualunque impresa, e altri in cui queste verranno meno, l’umore precipiterà sotto i piedi e tutto sembrerà (e sarà!) molto, molto complicato. Ci saranno momenti in cui le tue idee ti sembreranno vincenti e altri in cui penserai che sono banali. Alcune porte si spalancheranno mentre altre ti verranno chiuse in faccia. Fa tutto parte del gioco.

Ma quello che tu, piccolo guscio di noce, devi cercare assolutamente di fare è andare avanti, superare quell’onda alta centinaia di metri, e poi un’altra e un’altra ancora. A un certo punto il mare si placherà e tu, almeno per un po’, navigherai in acque più tranquille.

C’è qualcosa di perverso e magnifico nella capacità dell’essere umano di portare avanti i propri progetti, nella volontà di costruire. Bisogna essere sì lungimiranti ma a volte anche un po’ ciechi e semplicemente affidarsi al flusso, lasciarsi andare.

Come dice Murakami nel suo meraviglioso Dance Dance Dance:

«Devi danzare. Danzare senza mai fermarti. Non devi chiederti perché. Non devi pensare a cosa significa. Il significato non importa, non c’entra. Se ti metti a pensare a queste cose i tuoi piedi si bloccheranno. E una volta che si saranno bloccati, io non potrò fare più niente per te. […] Un passo dopo l’altro continua a danzare. […] Fai del tuo meglio. Non devi avere paura di nulla.»

Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Instagram Icona sociale
  • Facebook Basic Square

 

©rossobio s.s.agr. • via di legoli, 75 • 56037 peccioli (pi) • tel. 0587 460656 • info@rossobio.com • p.iva 02233430509

privacy & cookie policycredits & disclaimer • condizioni di vendita